Tappa 34 – Fabrizia / Santa Cristina D’Aspromonte

Agosto

17

  • Giovedì, 17 agosto
  • 8.30 - Partenza da Fabrizia
  • 12.30 - Arrivo a Santa Cristina d'Aspromonte
  • 13.00 - Saluti e Conferenza Stampa

PROGRAMMA

Ore 8.00 ritrovo di fronte al Municipio di Fabrizia; saluto Autorità locali e partenza.

Partenza ore 8.30 da Municipio di Fabrizia - Via Orlando Costa, Nardodipace
Arrivo ore 12.30 a Santa Cristina d'Aspromonte - Piazza Vittorio Emanuele II

ore 13.00 - Saluti e Conferenza Stampa presso Municipio di Santa Cristina d'Aspromonte - Piazza della Repubblica

 

Interventi
Carmela Madaffari - Sindaco
Nicola Irto - Presidente Consiglio Regionale della Calabria
Giuseppe Falcomatà - Sindaco Città Metropolitana di Reggio Calabria
Giuseppe Bombino - Presidente Parco Nazionale d'Aspromonte

 

SERVIZI TAPPA
Ristoro: previsto alla partenza e all'arrivo
Bagni: pubblici nelle vicinanze dell'arrivo della tappa
Nei pressi dell'arrivo della tappa è presente un punto riparazione Biciclette

Ti piace andare in bicicletta, partecipa con noi al Bike Tour e promuovi l'Appennino!

Partecipa!

L'adesione al ciclo-viaggio è gratuita ed è possibile partecipare liberamente con la propria bicicletta (mtb, corsa, e-bike).
Il traffico veicolare è aperto e vige l'assoluta osservanza del Codice della Strada. E'
 consigliato comunicare la propria partecipazione.

Descrizione tappa
Lunghezza percorso: 68,7 km
Dislivello: 1.189 metri
Altitudine Partenza: 950,12 metri
Altitudine Arrivo: 492,96 metri
Altitudine Massima: 1.126,93 metri
Il percorso attraverserà Fabrizia, Serricella, Santa Cristina d'Aspromonte.

© Mapbox © OpenStreetMap Improve this map

STRUTTURE RICETTIVE

Hotel e ristorante La Pergamena Di Gangemi Domenico & C. S.A.S. - Via Carmelia, 5, Delianuova  - Tel. 0966 430170
Ristorante Vecchia segheria -  Via Carmelia, 164, Delianuova - Tel. 0966 963026
Trattoria Pizzeria Da Gianni Di Giannotta Grazia - Via Carmelia, Delianuova - Tel. 0966 963880
Ristorante Qafiz –  Località Calabretto - Tel. 0966 878800
Ristorante Al rifugio di Bruzzano Martina - Via Caldara, Oppido Mamertina - Tel. 0966 870292
Ristorante La Favorita - Via Ugo Foscolo, 7, Oppido Mamertina - Tel. 0966 870227
Ristorante La Pergola - Via Garibaldi, 52, Varapodio - Tel. 0966 81133
Ristorante Tana Del Lupo - Via Umberto I, 24, Varapodio - Tel. 0966 81193

 

POMERIGGIO ALLA SCOPERTA DEL TERRITORIO

LUOGHI CONSIGLIATI

Chiesa di San Nicola di Mira (Matrice)
Corso Umberto I

Chiesa matrice costruita nel 1790. Al suo interno si trovano delle statue del 18˚ e 19˚ sec., colonne marmoree, capitelli, nonché un fonte battesimale, le acquasantiere, un leggio e un quadro raffigurante la Madonna del Rosario già appartenuti a diverse chiese dell’antico sito di S.Cristina e rimasti intatti a seguito del terremoto del 1783 che rase al suolo la città. Si possono ammirare anche gli affreschi più recenti (1951) dell’artista conterraneo Grillo.

 

Chiesa dell’Assunta (Oratorio)
Largo Oratorio

E’ un antico oratorio costruito nel 1864. Ha una facciata con timpano superiore e campanile affiancato sulla sinistra.
L’interno a unica navata, con soffitto a stucco e abside, custodisce una statua ottocentesca della Madonna dell’Assunta.
La parte esterna è stata restaurata cosi come è stata rifatta la pavimentazione dell’antistante spiazzo.

 

Palazzo Longo – Mazzapica
Via Mazzapica

Edificato agli inizi dell’Ottocento, conserva un portale in pietra squadrata con arco a tutto sesto e decoro alla chiave di volta. Sulle finestre del piano alto si alternano due diversi tipi di cornice decorativa e sulla facciata principale, incorniciato da un ovale in pietra, si può notare lo stemma della famiglia Mazzapica. E’ il primo edificio di Santa Cristina costruito dopo il terremoto del 1783.

 

Fiumara di Calivi
Strada Provinciale 112

Il torrente Calivi è uno dei quattro torrenti che interessano il comune di Santa Cristina d’Aspromonte (insieme al Duverso, al Lago e al Calabretto) e che segna il confine con il comune di Oppido Mamertina.
Calivi si trova poco più a monte di Santa Cristina, raggiunta la quale è sufficiente proseguire per qualche chilometro sulla strada provinciale 112 fino a raggiungere il “ponte calivi”.
Come quasi tutti i torrenti Aspromontani del lato tirrenico, il Calivi è insediato in una forra ricca di vegetazione e apparentemente ostile. Ad uno sguardo più attento, accompagnato da una buona preparazione fisica e materiale (abbigliamento e accessori per l’escursione), si scopre poco a poco che quella che all’inizio sembrava ostilità è, in realtà, l’ennesima prova di natura pressoché incontaminata che si riscontra in Aspromonte.
La risalita del torrente è un’esperienza entusiasmante, caratterizzata da una totale immersione nella natura, tra la rigogliosa vegetazione e le acque cristalline. Sul percorso del torrente, infatti, si formano numerosi laghetti dai colori cangianti tra il verde smeraldo e il blu cobalto che durante i mesi estivi sono meta di alcuni gruppi di irriducibili bagnanti. Continuando il percorso le pareti che costeggiano il torrente si innalzano, il letto forma alcune curve a gomito e, improvvisamente, ci si ritrova al cospetto della cascata Teresa. Si tratta di un salto di una quindicina di metri, alla base del quale si forma il consueto laghetto di acqua limpida. Poco più avanti si trova la cascata Paola, più bassa della prima, ma non per questo meno affascinante.
(tratto da: http://www.imagora.it/2013/03/calivi-teresa-paola/)

 

Monumento in onore degli emigrati
Corso Umberto I

Su corso Umberto I è stato realizzato questo monumento per ricordare i numerosi cristinesi che hanno dovuto lasciare il proprio paese alla fine degli anni 60. Un grande mappamondo è sorretto da una base rettangolare in cemento su cui è stato fissato un bassorilievo con scene di partenza in una stazione ferroviaria. Più in alto, tra il verde, una Madonnina e sul muro di sostegno una frase di V. Cardarelli: «E dopo tanto errare godo in te ritrovarmi, terra mia, di cui porto l’immortal febbre nel sangue ».

 

Ex sanatorio militare antitubercolare
Località Zervò

Tra il 1924 e il 1925, i comuni di Scido, Santa Cristina, Tresilico, Oppido, Varapodio e Platì diedero in concessione perpetua e gratuita i terreni, siti nel cuore dell'Aspromonte, per la costruzione del Sanatorio Antitubercolare della Calabria all'ONIG ed una vastissima area alle falde del Monte Scorda costituita da 315 ettari di fitti boschi di faggi ed abeti nonchè l'uso delle acque dei torrentelli nelle vicinanze. Nel caso di chiusura dell'attività del Sanatorio una clausola stabiliva il ritorno dei terreni e dei fabbricati ai comuni proprietari.
La costruzione del complesso edilizio del sanatorio di Zervò, avviata nel luglio 1925, è stata resa possibile grazie a contributi di lascito vari, versamenti dei comitati di assistenza ai Militari, Ciechi, Storpi e Muti e ad una cospicua elargizione degli emigranti italiani residenti in Argentina. Il complesso fu inaugurato il 28 ottobre 1929, destinato a centro di cura e di riabilitazione degli ex militari della Grande Guerra '14-'18 affetti da TBC.
La struttura, tuttavia, fu chiusa dopo soli tre anni. Seguì un lungo periodo di abbandono di quei luoghi, ma a seguito di una ristrutturazione, dal 1996 al 2014, tali strutture sono state utilizzate in concessione da una delle Comunità Incontro di Don Pierino Gelmini. Dopo la morte di Don Gelmini la Comunità ha terminato la sua presenza in Zervò.
Il complesso edilizio è stato quindi restituito al Comune di Scido il quale, ha concesso lo stesso, con contratto di comodato d’uso a titolo oneroso alla Cooperativa Sociale “Il Segno” di Oppido Mamertina.

 

Museo Civico di Storia Naturale
Strada Provinciale 1 di Gioia Tauro e Locri, 98, 89022 Cittanova RC

Unico nel suo genere in tutta la Calabria per ampiezza, importanza delle collezioni e rarità degli esemplari, il museo conta 5 sezioni: accanto alla sala di zoologia dei vertebrati sono nate quelle di mineralogia e petrografia, botanica, micologia paleontologia e la sottosezione di zoologia degli invertebrati marini.

 

Villa Comunale “C. Ruggiero”
Via Carlo Ruggiero, 89022 Cittanova RC

Importante monumento nazionale, denominata “il salotto verde” di Cittanova, venne fatta realizzare alla fine dell’800 dall’allora sindaco C. Ruggiero. Occupa un’area di circa 2,5 ha ca., rappresentando un cocnreto e riuscitissimo esempio di connubio vegetale tra specie botanicamente ed ed ecologicamente distanti tra di loro.

 

Città di Terranova
Terranova, RC

Piccola cittadina in cui è possibile ammirare: SS. Crocifisso nero e chiesa del SS. Crocifisso; chiesa matrice Maria Santissima Assunta e Sant’Elia; antichi portali; la torre dell’orologio; antichi ruderi; nonché degustare le tradizionale prugne o “pruna di frati”.

 

Ruderi di Oppido Antica
Oppido Mamertina, RC

 

 

EVENTI IN PROGRAMMA

Mostra fotografica “tradizioni popolari”
DOVE: Casa dell’incontro, corso Umberto I, Santa Cristina d’Aspromonte

Mostra fotografica “Aspromonte a colori”
DOVE: Casa dell’incontro, corso Umberto I, Santa Cristina d’Aspromonte

Esposizione libri di autori locali
DOVE: Biblioteca Comunale “R. Palamara”, corso Umberto I, Santa Cristina d’Aspromonte

 

 

Partner locali

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *