Appennino Bike Tour: presentato a Bologna tra gli eventi del G7 Ambiente con la firma del Patto di Amicizia per uno Sviluppo Sostenibile dell’Appennino

Appennino Bike Tour: presentato a Bologna tra gli eventi del G7 Ambiente con la firma del Patto di Amicizia per uno Sviluppo Sostenibile dell’Appennino

BOLOGNA, 06 GIUGNO 2017 – Al via Appennino Bike Tour, la più grande pedalata ecologica d’Italia con staffetta istituzionale dei Sindaci che porteranno il drappo tricolore da Municipio a Municipio lungo tutta la dorsale appenninicia unendo l’Italia da Nord a Sud con l’obiettivo di promuovere uno sviluppo sostenibile del territorio e rilanciarne il patrimonio ambientale. Inizia il 15 luglio da Altare in Provincia di Savona, dall’Appennino ligure, e termina il 25 agosto ad Alia in provincia di Palermo. Un Giro d’Italia sui generis, lungo più di 2600 chilometri, attraverso 14 Regioni e 25 Parchi nazionali e regionali. La staffetta istituzionale con il passaggio del drappo tricolore tra i rappresentanti dei 296 Comuni attraversati sarà coordinata del team di Vivi Appennino sull’ammiraglia Mitsubishi OutlanderPHEV, il primo veicolo ibrido plug-in a trazione integrale permanente con due unità elettriche che può ricaricarsi da solo quando è in movimento o da colonnina di ricarica fissa. Un viaggio nel rispetto dell’ambiente che vedrà utilizzare l’ammiraglia Outlander PHEV come una normale auto elettrica, con percorrenze a 0 grammi di CO2/km di oltre 50 km. Ai Sindaci che saliranno in sella saranno messe a disposizione le bici a pedalata assistita Wayel e Italwin prodotte da FIVE, Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici, ed occhiali e casco protettivo Bollè, gli stessi del 100° Giro d’Italia. Potranno liberamente unirsi al Giro con la propria bicicletta (mtb, e-bike, bici da corsa) associazioni, pro-loco, gruppi sportivi, ciclisti professionisti ed amatoriali.
Alla presentazione ufficiale dell’iniziativa, oggi a Palazzo Segni Masetti, sede di Confcommercio Ascom Bologna – durante le iniziative del G7 Ambiente, sono intervenuti: Gian Luca Galletti, Ministro dell’Ambiente; Giancarlo Tonelli, Direttore Generale Confcommercio Ascom Bologna ed Enrico Della Torre, Direttore Vivi Appennino.
“Questa iniziativa – spiega il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – è un grande racconto educativo e ambientale dell’Italia della biodiversità, che spero possa diventare ‘virale’ in tutto il Paese. L’Appennino attraversa e unisce l’Italia: un viaggio in bicicletta dal nord al sud ci aiuterà a raccontarne il grande valore naturale e le sue potenzialità di sviluppo. Di fronte a noi – aggiunge il ministro – c’è una profonda sfida che riguarda questi territori, i suoi splendidi comuni, i 25 Parchi nazionali e regionali che lo rendono unico al mondo: scegliamo– conclude Galletti – di promuovere l’Appennino come destinazione, come luogo del turismo sostenibile e non dello spopolamento, del rilancio socio-economico e non della crisi aggravata dai danni del sisma”.

“Appennino Bike Tour promuove tutte le aree dell’Appennino con iniziative turistiche eco-sostenibili e ci porta alla scoperta dei territori montani per fare conoscere e valorizzare le eccellenze di questi luoghi, importanti per la loro ricchezza paesaggistica e culturale, per le loro tradizioni, ma anche per essere centri di sviluppo economico e commerciale rilevanti con un forte valore aggregativo e di presidio territoriale. Promuovere l’ambiente vuol dire anche averne cura nel caso si presentino situazioni di fragilità. Le inziative organizzate in occasione di questo tour serviranno anche a dare sostegno alle popolazioni del centro Italia colpite dal sisma“ spiega Giancarlo Tonelli Direttore Confcommercio Ascom Bologna.
Siamo partiti nel 2014 insieme al Ministro Galletti e a Confcommercio con una serie di iniziative atte a valorizzare l’Appennino. Oggi, a distanza di tre anni, l’idea nata sul territorio bolognese è diventata un progetto nazionale che ha trovato il consenso di Istituzioni a tutti i livelli. E’ fondamentale continuare ad impegnarsi – spiega Della Torre – i territori appenninici non devono essere abbandonati ma presidiati e sostenuti affinchè si possa creare un nuovo indotto economico ed occupazione per queste aree. Appennino Bike Tour è stato definito il Giro dell’Italia che non ti aspetti poichè questi territori, da Nord a Sud dell’Italia, hanno caratteristiche comuni ed eccellenze uniche che meritano di essere scoperte, valorizzate e promosse su tutti i mercati turistici nazionali ed internazionali. Con questa prima edizione di Appennino Bike Tour insieme a rappresentanti di Istituzioni, Parchi Regionali e Nazionali, Associazioni Nazionali ed in generale i soggetti coinvolti nell’organizzazione del Giro abbiamo sottoscritto un formale Patto di Amicizia per uno Sviluppo Sostenibile dell’Appennino uniti nella Promozione dell’Ambiente, del Patrimonio Storico-Paesaggistico al fine di instaurare una proficua collaborazione ed uno scambio interistizionale che punti ad uno Sviluppo Sostenibile e Socio Economico del territorio, alla Valorizzazione Turistica, alla promozione delle Attività Produttive e all’Amicizia reciproca”.
Un ciclo viaggio che toccherà quelle aree protette caratterizzate da un alto grado di naturalità, da un forte valore paesaggistico e spesso da specifiche tradizioni culturali. Partendo da Nord, tra Liguria e Piemonte, saranno toccati i Parchi Regionali Beigua, Capanne di Marcarolo e dell’Antola. In Emilia-Romagna e Toscana i Parchi Regionali dei Cento Laghi, Sassi di Roccamalatina, Corno alle Scale, Laghi Suviana e Brasimone e dei Parchi Nazionali Appennino Tosco-Emiliano, Foreste Casentinesi, Monte Falterona, Campigna. Si passa poi tra Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo dove vengono toccati i Parchi Nazionali del Gran Sasso e Monti della Laga, Monti Sibillini, Majella ed i Parchi Regionali Colfiorito, Monte Subasio e Sirente-Velino. Tra Basilicata e Calabria ci si immerge tra il Parchi Nazionali dell’Appennino Lucano, Val d’Agri-Lagonegrese, Pollino, Sila, Aspromonte ed i Parchi Regionali Gallipoli Cognato e Piccole Dolomiti Lucane, delle Serre. Il ciclo-viaggio si conclude in Sicilia tra i Parchi Regionali dei Nebrodi, Fluviale dell’Alcantara, delle Madonie e dell’Etna.
L’iniziativa è promossa dal Ministero dell’Ambiente, Confcommercio, Appennino Bell’Ambiente, Vivi Appennino con il sostegno di Caffitaly, Naturalmente Appennino, Cerelia, Mitsubishi, Bollè, FIVE – Fabbrica Italiana Veicoli Elettrici ed il patrocinio della Federazione Ciclistica Italiana, Unione Nazionale delle Pro-loco Italiane, Lions Club International, Centro Sportivo Educativo Nazionale, Asssociazione Italiana Cultura e Sport, Centro Turistico Giovanile, Stampa Specializzata UNAGA.