Segnali positivi per l’Appennino dall’esito della prima Giornata Nazionale #AppenninoBikeTour

Decisamente positivo è il bilancio della prima Giornata Nazionale Appennino Bike Tour promossa da Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, Confcommercio Imprese per l’Italia, Vivi Appennino e Federazione Ciclistica Italiana.
Lungo la Dorsale sono stati centinaia gli appuntamenti che hanno richiamato sul territorio una buona affluenza di turisti e permesso loro di scoprire le tante eccellenze di queste zone. Escursioni in bici, a piedi e a cavallo, visite guidate, gare e diverse altre iniziative sono state il punto di forza di questa due giorni che ha visto protagonisti Comuni, Associazioni, Parchi e Pro-loco impegnati a valorizzare le bellezze e le tipicità caratteristiche di questi luoghi.
Per la prima volta siamo riusciti a mettere in rete gli eventi di tutto il territorio appenninico valorizzando l’intera Dorsale come una Destinazione ricca di eccellenze, puntando l’attenzione al suo sviluppo in chiave sostenibile – commenta Enrico Della Torre, Direttore Generale Vivi Appenninopromuovendo iniziative rispettose della natura e dell’ambiente. Queste zone rappresentano un eccezionale racconto educativo ed ambientale dell’Italia grazie alla loro biodiversità, storia, borghi e tradizioni; necessitano di essere valorizzate ed incluse tra le priorità del Governo in quanto coinvolgono la montagna che tiene unito tutto il Paese, attraversandolo per intero da Nord a Sud”.
Tale iniziativa rientra nel programma di azioni sostenuto dalla Direzione Generale per lo Sviluppo Sostenibile, per il Danno Ambientale e per i Rapporti con l’Unione Europea e gli Organismi Internazionali del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, diretta dal Direttore Generale Francesco La Camera che, ad un anno dall’avvio del progetto presentato al G7 Ambiente di Bologna, dichiara:  “Queste azioni oltre a mettere in rete i territori appenninici rispondono agli obiettivi di mobilità sostenibile sensibilizzando le comunità locali a tali tematiche globali con la valorizzazione di forme di turismo tese a un sistema di trasporti più sostenibile in termini di ambiente, di competitività ed attento alle preoccupazioni sociali. Con questo progetto intendiamo sostenere queste aree al fine di prevenirne lo spopolamento dei borghi ed innescarne uno sviluppo sostenibile”.
Un risultato ottenuto grazie all’impegno dei tanti volontari che, come ogni anno, organizzano centinaia di iniziative contribuendo a mantenere in vita le zone appenniniche e richiamando visitatori e turisti. La Giornata Nazionale Appennino Bike Tour ha così permesso di riscoprire una parte d’Italia, ritenuta fino ad oggi minore, ma che dimostra di essere un grande scrigno ricco di proposte adatte a tutti tra attività sportive, ludiche, culturali, eno-gastronomiche. Il prossimo appuntamento in programma è l’avvio della raccolta firme per la proposta di Legge per uno Sviluppo Sostenibile dell’Appennino che prenderà il via nelle prossime settimane.