Dall’Irpinia al Paese di San Valentino, la Basilicata apre le porte ad Appennino Bike Tour

Un cielo limpido e terso annuncia l’inizio di questa nuova giornata di Appennino Bike Tour a Guardia Lombardi, in Irpinia. Prima tappa presso il Municipio del paese, dove il team viene accolto dal Sindaco Antonio Gentile, dalle ragazze della Cooperativa Carmasius e da Tony Lucido, Presidente della Pro Loco di Sant’Angelo dei Lombardi. Dopo un giro turistico per il centro storico, tra la Chiesa Madre, antiche fontane e portali inizia il viaggio tra i sapori e tra i prodotti del luogo, realizzati con grani antichi e in confezioni Plastic free, il territorio è infatti molto attento a tutelare l’ambiente e la stessa Cooperativa Carmasius organizza tour sostenibili che permettono di conoscere queste aree salvaguardandone l’integrità paesaggistica e naturalistica.
Nonostante la bellezza e le tante attrazioni del luogo il viaggio di Appennino Bike Tour deve proseguire verso la seconda tappa della giornata. Lungo il tragitto il team operativo si ferma a Sant’Andrea di Conza dove è accolto con grande entusiasmo dalla locale pro-loco che per l’occasione srotola uno striscione dedicato al Giro dell’Italia che non ti aspetti.
Dalla Campania il Giro entra quindi in Basilicata, primo comune tappa Muro Lucano. Qui il team viene accompagnato dal Sindaco Giovanni Setaro e dal Vice- Sindaco Rosalba Zaccarda, alla scoperta delle peculiarità locali, dapprima viene mostrata la preparazione degli gnocchi di patate di montagna di Muro Lucano, poi vengono presentate le “uova speciali”, a prima vista sembrano succulente uova al tegamino ma in realtà si tratta di un dolce fatto con pesche sciroppate, panna montata e macedonia. A bordo dell’Ammiraglia, condotta dal Sindaco, il gruppo si dirige al Sentiero delle Ripe, un percorso tra le rocce dove convivono resti romani, normanni e medioevali, fino ad arrivare ai mulini ad acqua. Da qui si può godere di uno splendido panorama e vengono illustrate anche le caratteristiche del castello, della cattedrale e del museo archeologico.
La giornata termina ad Abriola, dove vengono mostrate le varie fasi di lavorazione del pecorino e del caciocavallo, nonché un tripudio di prodotti realizzati con diverse farine macinate in loco. La zona è ricca di allevamenti di pecore e di ampie zone verdeggianti, ma non solo… Abriola infatti è nota anche per i cioccolatini, tutto ciò che viene prodotto è stato brandizzato in onore e omaggio al patrono San Valentino. La degustazione non poteva che finire in bellezza con un goloso liquore al cioccolato servito in bicchierini anch’essi di cioccolato, una delizia per gli occhi e per il palato.
Domani – 25 luglio – il Giro prenderà avvio da Pietrapertosa, dove sono in programma i festeggiamenti per il Santo Patrono.