Il saluto dell’Onorevole Roberto Traversi e della Senatrice Barbara Floridia

Un’idea di sviluppo che va oltre le appartenenze politiche e che ha visto partecipi tutti i Governi che si sono succeduti in questi quattro anni di lavoro; in particolare l’approvazione dei 2 MLN di euro a favore dell’installazione della cartellonistica di #APPENNINOBIKETOUR, la Ciclo-Via dell’Appennino è stata possibile grazie all’impegno dell’Onorevole Roberto Traversi e della Senatrice Barbara Floridia. Di seguito si pubblica il saluto inviato ai Sindaci dei Comuni tappa.

 

Il percorso dell’Appennino Bike Tour sarà fruibile a pieno per tutti

Di Roberto Traversi

“Ho fatto migliaia di chilometri in bicicletta in vita mia. Ho cominciato come tutti da bambino, quando la bici mi rendeva libero di andare un po’ più veloce. Ho ancora vivissimi quei ricordi d’infanzia e la sensazione di quelle prime cadute. Diventato più grande, è nata una passione travolgente. Le prime gare, fin quasi alla soglia del professionismo, e quella bici che mi ha portato in giro per corse in tutta Italia, con tutta la forza verso ogni gran premio della montagna. Perché io in salita andavo forte. Ricordo le emozioni di un Giro di Toscana o di quello delle Valli Cuneesi e conservo ancora una freccia del percorso del Giro della Sicilia su cui raccolsi gli autografi dei giocatori della squadra di calcio dell’Avellino, con cui condividemmo una sera l’hotel a Capo d’Orlando per i rispettivi ritiri. Con gli anni, poi, la bici è diventata il mezzo delle passeggiate lungo le strade della mia Liguria e nella mia meravigliosa Chiavari e quello per raggiungere il mio studio di architetto. Perché muoversi in bicicletta non è soltanto libertà, è natura e salute per noi e per l’ambiente che ci circonda. E allora non mi viene in mente niente che meglio della bici possa rappresentare un modo di muoversi e vivere un turismo sostenibile, di riscoperta del territorio e valorizzazione delle specificità del Paese, da nord a sud, dalle montagne al mare. Anche per questo sono orgoglioso di aver dato il mio contributo alla nascita della Ciclo-Via Appenninica per la quale abbiamo destinato due milioni di euro che serviranno alla realizzazione della segnaletica. Proprio L’Appennino Bike Tour, infatti, rappresenta al meglio una delle idee che mi hanno sostenuto fin dal momento che ho deciso di impegnarmi in politica con le prime lotte per l’ambiente e proprio formando questo ponte virtuale che mi collega dalla mia Liguria alla Sicilia della mia amica Barbara, come quella sera nella provincia di Messina. Sono le stesse convinzioni che poi ho portato al ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. In anni in cui si parla con sempre maggiore preoccupazione di riscaldamento globale e malattie causate dall’inquinamento, incentivare la mobilità leggera e sostenibile è tutt’altro che un impegno fine a se stesso, ma significa promuovere e diffondere stili di vita più sani per noi stessi, per il pianeta e persino per la nostra economia. L’esempio della Ciclo-Via Appenninica, infatti, ci dimostra come favorire l’uso turistico della bicicletta permetta di riscoprire territori ed economie locali, favorendo una via alternativa e salutare al turismo di massa. È lo stesso approccio che abbiamo cercato di sostenere per gli spostamenti di tutti i giorni in città, a maggior ragione in tempo di Covid e di esigenze di distanziamento: la mobilità leggera è la via maestra per ridurre il traffico cittadino e l’uso dei mezzi privati, con i benefici che questo comporta per l’ambiente, ma al tempo stesso è l’alternativa migliore al congestionamento dei mezzi pubblici. Usare la bicicletta fa bene a noi stessi, fa bene all’ambiente e all’economia. Si comincia per gioco da bambini, ma è da adulti che si scopre che è una questione maledettamente seria. E che si impara che ci si può continuare a divertire anche facendo la cosa giusta per il pianeta. E pedalando nella fatica si impara, si matura, si cresce e a volte sì, purtroppo si cade, ma ci si rialza come nella vita. Che gran palestra che è stata”.

 


Sostenere la mobilità leggera significa incentivare stili di vita sani

Di Barbara Floridia

“La realizzazione della Ciclo-Via Appenninica, che si snoderà dalla Liguria alla Sicilia, è una coraggiosa scommessa dell’Associazione “Appennino Bike Tour” nella quale ho creduto da subito. Già dai tempi dell’allora Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Danilo Toninelli, infatti, grazie a Enrico Della Torre ho conosciuto e seguito in prima persona questo bellissimo progetto che rientra a pieno nella mia mission politica. Ritengo, infatti, che sia fondamentale migliorare la qualità della vita delle persone, rispettando, al tempo stesso, l’ambiente. Favorire, quindi, lo sviluppo della cosiddetta “mobilità dolce” incarna perfettamente la mia idea di benessere, perché muoversi in bicicletta è soprattutto sinonimo di salute. Puntare allo sviluppo della mobilità sostenibile significa anche sensibilizzare i territori sull’opportunità di sviluppo data dalla crescita dell’economia green, stimolando in particolar modo la bike economy. Stiamo per realizzare un “Giro d’Italia” con un percorso del tutto nuovo, creando la più grande ciclo-via del nostro Paese che avrà una lunghezza complessiva di 2 mila e 600 chilometri. 43 tappe, 43 luoghi che sintetizzano l’essenza della nostra Italia migliore. Attraversando la spina dorsale dell’Italia si valorizzeranno i nostri meravigliosi borghi, troppo spesso abbandonati e poco conosciuti, ma che sono ricchi di tradizioni e che rappresentano l’eccellenza, la ricchezza paesaggistica, culturale ed enogastronomica. Inoltre, l’itinerario della Ciclo-Via Appenninica prevede anche l’attraversamento di ben 9 parchi nazionali e 17 parchi regionali e per me che faccio parte della Commissione Ambiente e amo valorizzare il cuore verde della nostra Italia questa è una notevole opportunità. La Ciclo-Via è un’infrastruttura dall’alto valore ambientale, che sensibilizza verso un modello di vita e turismo sostenibili. Basti pensare che i cicloturisti sono aumentati del 41% in cinque anni (dal 2013 al 2018), generando un valore economico pari a 7,6 miliardi di euro all’anno. Questo progetto, che ha già ricevuto numerosi e importanti riconoscimenti, rappresenta il punto di partenza per avviare un rilancio turistico sia delle aree appenniniche attraversate da questa direttrice, ma anche di quelle limitrofe facilmente raggiungibili con eventuali deviazioni dal percorso individuato.
Ho sposato e sostenuto questa iniziativa anche nell’ottica, fondamentale e importantissima, della conservazione, manutenzione e valorizzazione delle strade secondarie delle aree montane appenniniche. L’Italia va vissuta, conosciuta, visitata dolcemente e valorizzata in tutte le sue parti, anche quelle più nascoste, anzi soprattutto perché sono bellissime”.