Appennino Bike Tour, la ciclovia dell’Appennino tra Taverna e Amaroni

Appennino Bike Tour, la ciclovia dell’Appennino tra Taverna e Amaroni

Nella giornata di oggi, 3 agosto 2021, si è conclusa la diciannovesima giornata di Appennino Bike Tour.
Dopo aver lasciato gli scorci panoramici di Aprigliano, ci siamo avviati in direzione della trentatreesima tappa dell’Appennino Bike Tour, Taverna, comune del catanzarese. Lungo il percorso siamo andati alla scoperta del lago Arvo, un bacino lacustre di origine artificiale posto fra i monti Melillo e Cardoneto.  
Lasciato questo suggestivo luogo, abbiamo terminato il percorso della traccia e ci siamo diretti verso la Sede Municipale di Taverna, nonché culla del Museo Civico, dove ci ha accolto il Primo Cittadino, Sebastiano Tarantino, il quale ci ha raccontato delle bellezze naturalistiche, storiche e culturali del territorio.
Dopo l’inaugurazione della colonnina, la firma del Patto per il Clima, l’apposizione della poesia Andrea Muto, Vice Sindaco di Aprigliano, ha simbolicamente consegnato il Testimone della Rinascita al Sindaco di Taverna, per sancire il valore di unione, integrità e amicizia che l’Appennino Bike Tour cerca di promuovere.


Durante la mattinata abbiamo incontrato alcuni rappresentanti della Ciclovia dei Parchi, la quale recentemente è stata premiata ai Green Road Award con l’Oscar del cicloturismo. La Ciclovia dei Parchi è uno scrigno di biodiversità nata dall’unione dei quattro Parchi calabresi: Parco Nazionale del Pollino, Parco Nazionale della Sila, Parco Naturale Regionale delle Serre e il Parco Nazionale dell’Aspromonte.
Dopo aver goduto della compagnia tavernese, ci siamo incamminati per raggiungere la tappa 34 del Giro dell’Italia che non ti aspetti: Amaroni, la città del miele.
Durante il percorso, la carovana è stata raggiunta dall’Associazione Girifalco in bici, che ha terminato insieme a noi l’ultimo tratto del tracciato e ci ha raccontato di come l’Appennino Bike Tour possa essere intrapreso anche dai “ciclisti improvvisati”. All’arrivo la festa è stata grande: erano presenti, oltre al Primo Cittadino Luigi Ruggiero, anche le istituzioni delle amministrazioni limitrofe: il Sindaco di Montepaone Mario Migliarese, il Consigliere di Girifalco con Delega al Turismo Delia Ielapi e il Sindaco di Centrache Fernando Sinopoli. I rappresentanti istituzionali hanno sottolineato come l’ABT possa rappresentare una concreta opportunità di fare rete per il territorio. Dopo l’inaugurazione, l’affissione delle rime per “Borracce di Poesia” e la firma del Patto per il Clima da parte delle autorità comunali, è giunto il momento di premiare col titolo di Ambasciatrice dell’Appennino Angelina De Stefani per il suo impegno ambientale in un luogo di formazione cruciale: quello scolastico.


La sera il Vice Sindaco Teresa Lagrotteria, in veste di Cicerone, ci ha condotto lungo un viaggio culinario tutto calabrese: abbiamo avuto modo di assaporare non solo la tradizione regionale, ma anche l’eccellenza amaronese: il miele! 
È stata una piacevolissima serata votata alla convivialità tipica di questi luoghi e che serberemo fino alla prossima edizione.

Torna in alto